top of page

Decotto di foglie di fico. La bevanda dalle mille virtù

Non a tutti è noto che, di questa pianta, anche le foglie sono commestibili e che esse costituiscono un’interessante fonte di proprietà benefiche per l'organismo.

La loro composizione le rende utili nel trattamento di molteplici disturbi come infiammazioni gengivali, patologie metaboliche, l’ipertriglicemia, l’iperglicemia e la stitichezza (grazie alla loro ricchezza in fibre).

Viene anche consigliato di bere una tazza di infuso di foglie di fico in acqua bollente, con l’aggiunta di un cucchiaino di miele per ottenere un’efficace funzione di espettorante naturale, in caso di problemi alle prime vie respiratorie.

Inoltre, grazie all’elevato contenuto di flavonoidi le foglie di fico svolgono un’efficace azione antiossidante, migliorando l’attività del sistema immunitario, soprattutto nei cambi di stagione.

Recenti studi evidenziano inoltre un’azione benefica delle foglie di fico sulla funzionalità di tutti gli organi, soprattutto per quanto riguarda la produzione energetica ed il metabolismo endocrino.

L’uso più consolidato dell'infuso di foglie di fico dalla medicina popolare è però quello di abbassare il livello degli zuccheri nel sangue.

La sua efficacia in proposito è stata anche comprovata anche da alcune pubblicazioni su Pubmed. Data la consistenza tenace delle foglie di fico, piuttosto che l'infuso, è preferibile preparare un decotto.

Basta aggiungere un cucchiaino di foglie di fico (non trattate) essiccate e sminuzzate grossolanamente (pari a circa 2-3 g) a un pentolino con un quantitativo d'acqua pari a una tazza. Mettere il pentolino a riscaldare su un fornello a gas, o elettrico e una volta che l'acqua è giunta ad ebollizione, far sobbollire per circa 10-15 min. In fine spegnere la fiamma, filtrare la bevanda e berla calda o tiepida, o in alternativa versala in un thermos così da poterla bere durante la giornata. La dose consigliata va da 1 a 2 tazze al giorno.

Volendo si possono aumentare i dosaggi. Per preparare un decotto di un litro servirà 1 l d'acqua bollente e 4 cucchiaini di foglie di fico essiccate.

È possibile usare anche foglie di fico fresche, ma in questo caso servirà un quantitativo di foglie doppio, rispetto alle foglie essiccate.

Se però si è affetti da diabete e si assume insulina, prima di assumere il decotto di foglie di fico è importante consultare il proprio medico.

Anche chi assume medicinali antimicrobici, come il Linezolid o il Tedizolid, è necessario consulti il proprio medico prima di consumare fichi.

Altro fattore a cui prestare attenzione è la forte concentrazione di acido ossalico, che, se assunto in grandi quantità, può contribuire a formazioni cristalline che provocano irritazioni e problemi di ematuria o cistite, oppure in ambiente acido dar origine a calcoli.

Post in evidenza