top of page

DONI DELL' AUTUNNO: benefici e virtù delle bacche di biancospino!



Doni dell’autunno : benefici e virtù delle bacche di biancospino

Il periodo dell'equinozio autunnale è il momento in cui inizia la parte discendente del ciclo solare, in questo periodo si raccolgono i frutti della bella stagione. Le bacche e le radici essendo particolarmente ricche delle riserve vitali delle pianta, sono molto importanti per poter affrontare la nuova stagione del anno seguente. Tra i primi frutti che possiamo raccogliere durante una passeggiata autunnale troviamo il biancospino, si tratta di pianta arbustiva e cespugliosa, i suoi frutti sono piccole drupe rosse, con polpa rosata, farinosa, intorno a un nocciolo tondo che assomigliano a delle mele in miniatura. Hanno sapore lievemente dolciastro. Lo si può trovare lungo siepi, vigneti e ai margini di boschi radi.

Queste bacche sono amiche del cuore, benefiche, gustose, contengono dei potenti antiossidanti, ideali per la prevenzione di malattie cardiovascolari, hanno inoltre proprietà sedative e rilassanti agiscono co

E ansiolitico naturale, utile anche nei casi in cui si soffre di insonnia ansiosa.



Ecco come usarlo:

Tisana al biancospino


Ingredienti:

1 cucchiaino di bacche di biancospino schiacciate,

1cucchiaino di foglie e fiori di biancospino tritati,

una tazza di acqua bollente,

3 gocce di succo di limone.

Preparazione: dopo aver fatto bollire l’acqua, spegnere il fuoco e mettere in infusione per qualche minuto gli ingredienti. Dolcificare con miele a piacere.

Utilizzo: ideale una tazza la sera prima di andare a dormire. Proprietà: cardiotonica, riequilibrante, calmante.

Pesto di biancospino


200g di composta di frutti di biancospino (preparata cuocendo 500g di frutti in poco succo di mela e limone fino a che risultano morbidi e poi passati in un passino)

50g di composta di mele

50g di parmigiano grattugiato

50g di semi di girasole o sesamo tritati finemente

50-125ml di olio d’oliva extravergine (q.b. per ottenere un pesto cremoso)

2 cucchiaini di aceto o succo di limone

1 spicchio d’aglio schiacciato (se gradito)

maggiorana fresca o secca

Mischiare bene le composte, il parmigiano, i semi e l’olio e condire a piacimento con l’aceto/limone, la maggiorana, sale.

Può essere utilizzato per condire un primo piatto o spalmato su crostini di pane integrale di grani antichi.




Buon autunno!


Dott.ssa Monica Spelta

P.zza Garibaldi, 74 - Sassuolo (MO) o via Pico 21 - Mirandola (MO)

Tel 320-4676288

monica.spelta@gmail.com

www.studiospeltanaturopatia.it