top of page

LA RADICE DI LOTO: scopriamo le proprietà benefiche e le ricette!



Pianta sacra per i buddhisti e gli indù, il loto è da sempre il simbolo della vita perché resta intatto e bellissimo pur affondando nel fango. Grazie alle sue numerose proprietà benefiche, è ampiamente utilizzata come rimedio per alcuni dei più comuni problemi di salute. Con solo 90 kcal per 100 g, la radice di loto è ricchissima di fibre, minerali, proteine e vitamine e fitonutrienti, tra cui potassio, fosforo, rame, ferro e manganese, così come tiamina, l'acido pantotenico, zinco, vitamina B6, vitamina C! Utilissima in inverno, è in grado di svolgere un'azione benefica nei confronti dell'apparato respiratorio, ha, infatti, la capacità di rinforzare i polmoni e il colon aiutando il corpo a liberarsi dell’eccesso di umidità, grazie al suo spiccato effetto mucolitico, quindi è usata nel raffreddamento, nella sinusite, tosse grassa o in caso di otite. Le sue proprietà benefiche includono anche la capacità di migliorare la digestione, abbassare la pressione sanguigna, potenziare il sistema immunitario, equilibrare l'umore e Inoltre migliora la circolazione sanguigna, è utile contro l’anemia e mantiene una corretta attività enzimatica nel corpo e alle fibre aiuta a l’intestino a combattere la stitichezza e riduce il colesterolo nel sangue. Ha inoltre proprietà antidiarroiche, febbrifughe, emollienti. Questo noto fiore in Asia è utilizzato largamente anche in cucina dove si utilizzano i fiori, i semi, i rizomi e le foglie giovani poiché tutti commestibili. Le foglie insieme ai fiori sono usate per la preparazione di te e infusi. I rizomi, solitamente, vengono impiegati come contorno o condimento mentre le radici vengono spesso sono consumate fritte, viene poi inserito in zuppe, brodi speciali, minestroni e l’abbinamento con lo zenzero (altro mucolitico), ne potenzia ulteriormente gli effetti ! I semi aiutano a disintossicare i reni e a purificare il sangue. Hanno uno spiccato potere antiossidante e sembrano avere proprietà anti tumorali. Il loro potere antiossidante deriva da un particolare enzima che inibisce l’ossidazione cellulare e favorisce la produzione di collagene. Riducono i livelli di glucosio nel sangue e sono astringenti e anti infiammatori. La radice si può utilizzare fresca o essiccata, ma,in realtà, in Italia quella fresca è davvero difficile da reperire, si può facilmente trovare come alternativa essiccata, a fette o in polvere, all’interno dei negozi di alimenti biologici, oppure negozi di alimentari etnici o specializzati. Ricette Decotto di radice di Loto

Basta far bollire 10 grammi di fette di loto (oppure 1 cucchiaino se si acquista la radice in polvere) all’interno di un pentolino (coperto da un coperchio) contenente una tazza d’acqua per circa 20 minuti. Bere caldo, preferibilmente a digiuno. La radice di loto ha un effetto benefico soprattutto sul sistema respiratorio, fluidifica il muco e ne aiuta l’espulsione. Per questo motivo questa bevanda può essere usata in caso di raffreddore, tosse, pertosse, bronchite, asma, otite.


Decotto di Radice di Loto e zenzero

4-5 rondelle di radice di loto secca

1 tazza d’acqua

qualche goccia di tamari (salsa di soia)

1 pezzetto di radice di zenzero fresca

Misura una tazza d’acqua e metti in ammollo le rondelle per 10-15 minuti. Quando le rondelle si sono ammorbidite, tritale e conserva l’acqua di ammollo. Trasferisci in un pentolino l’acqua di ammollo e la radice tritata e porta a bollore. Cuoci per 10-15 minuti coperto. L’ultimo minuto di cottura aggiungi la salsa di soia. Grattugia un pezzetto di radice di zenzero e spremi tra le dita la polpa ottenuta, in modo da estrarne il succo. Spegni il fuoco e aggiungi 2-3 gocce di succo di zenzero. Se vuoi puoi filtrare, se no puoi versare in una tazza pian piano lasciando la radice nel pentolino la radice tritata (che puoi riciclare in un minestrone).


Insalata di Renkon e cetrioli Per 2 persone

2 radici di fiore di loto

1 cetriolo

1 cucchiaio di miso bianco

1 cucchiaio di mostarda a semi grossi

1 cucchiaino di aceto per l’acqua del renano

pochissimo sale grezzo Peliamo la radice di fiore di loto e il cetriolo e li affettiamo a fettine sottili, lasciandole rispettivamente in una bacinella d’acqua con un cucchiaino di aceto e in un piatto con pochissimo sale grezzo fino per circa 20 minuti. 2.Sbollentiamo le fettine di renkon in acqua bollente senza sale per 5 minuti e nel frattempo poniamo un cucchiaio di miso bianco e un cucchiaio di mostarda a semi grossi in un insalatiera. 3.Versiamo renkon e cetriolo nell’insalatiera e mescoliamo.


Renkon saltato con porro e sesamo Per 2 persone

1 radice di fiore di loto

1 porro verde affettato a rondelle

1 spicchio di aglio

1 cucchiaino di zucchero grezzo

1 pezzo di zenzero di 2 cm circa, privato della pelle.

1 cucchiaio di olio di sesamo

1 cucchiaio di salsa di soia

1 cucchiaino di aceto per l’acqua del renkon

olio d’oliva q.b.

semi di sesamo q.b.

pepe q.b.

Affettiamo la radice di fiore di loto e poniamo le fettine in acqua e aceto come descritto nel post. Riscaldiamo una padella capiente unta con poco olio d’oliva, facendovi soffriggere uno spicchio d’aglio e un pezzetto di zenzero sbucciati e affettati grossolanamente. Quando l’olio è fragrante aggiungiamo le rondelle di renkon dopo averle ben tamponate dall’acqua di ammollo e proseguiamo la cottura fino a quando non raggiungono un colore traslucido. A questo punto le giriamo sull’altro lato. A questo punto incorporiamo il porro affettato e aggiungiamo l’olio di sesamo, la salsa di soia e lo zucchero grezzo e lasciamo soffriggere fino a quando le fettine non vengono un po’ caramellata dalla salsa di soia e dallo zucchero. Pochi minuti prima di spegnere la fiamma aggiungiamo il pepe e i semi di sesamo. Minestra con semi di loto

15 g di semi loto (due manciate circa)

1 cipolla

130 g zucca

1 carota

1 paio di foglie medie di cavolo nero

4 shitake secchi

1 pezzetto di alga wakame

1 cucchiaio di miso di riso o di orzo (o più, a piacere)

1 litro acqua circa

Metti in ammollo i semi di loto per almeno 4 ore. Una volta trascorso il tempo dell’ammollo prepara per la minestra. Metti sul fuoco una pentola con l’acqua, per farla scaldare. Metti in pentola gli shiatke e la wakame, così si ammolleranno velocemente con l’acqua calda. Prepara le verdure, quindi pulisci e affetta la cipolla, pulisci e taglia a pezzetti la carota, pulisci la zucca e tagliala a cubetti (se la buccia è sottile puoi lasciarla) e pulisci e affetta sottili le foglie di cavolo nero. Se hanno la costa centrale molto spessa e dura, puoi eliminarla, oppure tagliarla molto molto fine. Nel frattempo gli shitake e la wakame si saranno ammorbiditi. Toglili dalla pentola e affettali. Rimettili in pentola e aggiungi tutte le verdure preparate e i semi di loto ammollati. Lascia cuocere circa 10-15 minuti. Il tempo di cottura dipende dalla dimensione del taglio delle verdure. Una volta cotte, sciogli a parte il miso con un po’ di minestra e poi aggiungilo in pentola. Mescola e lascia sobbollire a fiamma bassa per un minuto o due. Spegni ed è pronto. A piacere puoi aggiungere a fine cottura del succo di zenzero o del prezzemolo fresco tritato fine. Insalata di fiori e radici di loto