top of page

Fai il pieno di antiossidanti con le More


La mora è un frutto dalle straordinarie proprietà antiossidanti, ma non solo: è ricca di vitamine, fibre e minerali e offre numerosi benefici alla nostra salute. La, il cui nome scientifico è Rubus ulmifolius, cresce spontaneamente nei paesi del bacino del Mediterraneo. Passeggiando per le strade di campagna è infatti molto probabile imbattersi in grandi cespugli spinosi che d’estate si riempiono di questi succulenti frutti di bosco. È quindi proprio l’estate la stagione ottimale per gustarle. Le more sono probabilmente i frutti con il più alto contenuto di agenti antiossidanti (fra cui antocianine, catechine, tannini, quercetina e acido gallico) che contrastano l’azione dei radicali liberi, molecole altamente reattive responsabili di processi cellulari alla base di patologie degenerative. I tannini hanno azione antinfiammatoria e vasocostrittrice, cioè restringono i vasi sanguigni accelerando la guarigione di eventuali ferite. Le more sono ricche di vitamina C, che svolge funzioni chiave in molti fondamentali processi fisiologici, fra cui la risposta immunitaria. Contengono inoltre vitamina A (coinvolta nei processi della visione, del differenziamento cellulare e dello sviluppo embrionale), vitamina E (che protegge la pelle) e vitamina K, importante per la salute delle ossa e regolatrice dei meccanismi della coagulazione sanguigna. Anche le vitamine del gruppo B sono ben rappresentate, fra cui l’acido folico, pertanto il loro consumo è consigliato in gravidanza. Ricche di fibre sia solubili che insolubili (100 g di more contengono 5,3 g di fibre totali) tra cui la pectina, che aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, coadiuva i processi digestivi e favorisce l’assorbimento del glucosio migliorando quindi i livelli di glicemia. Le fibre insolubili facilitano invece il transito intestinale e danno un senso di sazietà. Ricche di sali minerali le more hanno un alto contenuto di rame, minerale importante per il metabolismo delle ossa e dei globuli rossi e bianchi. Anche magnesio, calcio, ferro, zinco e manganese sono ben rappresentati. Con sole 43 calorie per 100 g, le more forniscono un pieno di energia a basso indice glicemico, possono pertanto essere liberamente consumate anche da chi soffre di diabete. Grazie al buon contenuto di potassio e di acqua (88%), le more hanno proprietà idratanti e depurative. Se acquistate o raccolte fresche è possibile conservarle in frigorifero al massimo per un paio di giorni ma un consiglio utile è senz’altro quello di consumarle subito. Tutte le parti della pianta delle more sono tradizionalmente utilizzate per preparazioni medicinali. Dalla radice, ad esempio, si estraggono buone quantità di tannini che hanno effetto astringente, specialmente sulle mucose del tratto digestivo, per cui il tè preparato dalla radice di mora può essere usato per trattare la diarrea o altri disturbi intestinali. Radici, germogli e foglie sono utilizzati per curare infiammazioni della bocca e delle gengive. Con il decotto di foglie di mora si possono fare gargarismi e lavaggi utili contro il mal di gola e le irritazioni del cavo orale.


Informati, contatta la dott.ssa Monica Spelta

Tel 320-4676288

monica.spelta@gmail.com

www.studiospeltanaturopatia.it

P.zza Garibaldi, 74 - Sassuolo (MO) o via Pico 21 - Mirandola (MO)

Post in evidenza