top of page

INTESTINO: LA CAUSA DI TUTTI I MALI

L’intestino tenue è, secondo la medicina Tradizionale Cinese, l’organo che ha il compito di separare il puro dall’impuro. Questa azione è circoscritta solo al corpo, ma anche alla mente. L’intestino infatti influenza la capacità di prendere decisioni, fornendoci elementi per valutare al meglio le situazioni. Dall’intestino dipende quindi la nostra salute ma anche la nostra felicità. Intestino e stomaco producono il 99% della serotonina, l’ormone del buon umore (vedi post precedente). Se l’intestino non è in salute perderemo la nostra chiarezza mentale e la nostra capacità di valutare, sia psichicamente che fisicamente. L’intestino a quel punto perderà la capacità di scegliere, lasciando passare tutto: batteri, microbi, cibo non digerito… Questa condizione è detta “Sindrome del”Intestino Permeabile”. I sintomi di questa sindrome possono essere gonfiore addominale, meteorismo, irregolarità intestinale, dolori al basso ventre e un senso di stanchezza generale. È uno stato infiammatorio che può dare origine a molti disturbi, anche gravi: artrite, infezioni micotiche, allergie. Anche stati emotivi come l’ansia possono derivare da un intestino non in salute. A questa condizione vengono correlate anche le malattie auto-immuni. Molte proteine strutturali dei nostri tessuti presentano somiglianze con proteine esterne derivate da alimenti, cosicché può avvenire con facilità che il nostro corpo, nel tentativo di difendersi da queste sostanze percepite come estranee, attacchi i propri tessuti. Ad esempio, è stato rilevato che l’albumina presente nel latte bovino presenta importanti affinità strutturali con quella che costituisce il collagene delle articolazioni. Quando questa reazione si manifesta a carico delle articolazioni avremmo un caso di artrite reumatoide, mentre a carico dei vasi sanguigni può determinarsi una vasculite. Morbo di Crohn, tiroiditi, glomerulonefriti, e molti altri gravi quadri patologici, inclusi la sclerosi multipla ed alcuni tipi di diabete, sono oggi attribuiti a processi autoimmunitari di questo tipo. Le cause di un malfunzionamento dell’intestino possono essere molte: assunzione di antibiotici e cortisonici, stress, alimentazione scorretta, dieta molto squilibrata, eccessivo consumo di proteine (specialmente animali e grassi saturi). A seguito di infezioni, infiammazioni oppure alterazioni della flora batterica, l’intestino perde la sua selettività e nel sangue passa di tutto, anche sostanze tossiche che passano nel sangue intere, scatenando reazioni immunitarie nei loro confronti. Il passaggio di proteine è probabilmente il problema più grave, una delle cause dell’incremento di incidenza di casi di allergie e di malattie autoimmuni. Per ristabilire la salute dell’intestino si dovranno eliminare zucchero, bevande zuccherate, alcol, prodotti chimici, frutta tropicale, alimenti con caseina (latte e derivati, compreso lo yogurt!) e glutine. Seguire una dieta anti-infiammatoria, aiutandosi con alimenti quali miso e verdure fermentate, cibi ricchi di omega-3 (come noci, olio di lino, portulaca, pesce). Nel caso di pesce preferire il pesce azzurro che contiene selenio (una delle proprietà del selenio è quella di contrastare il mercurio, legandolo in un composto inattivo). Ricordiamo ciò che diceva Ippocrate, nel quarto secolo Avanti Cristo: “Tutte le malattie hanno origine nell’intestino”.


Dott.ssa Monica Spelta

Tel 320-4676288

monica.spelta@gmail.com

www.studiospeltanaturopatia.it

P.zza Garibaldi, 74 - Sassuolo (MO) o via Pico 21 - Mirandola (MO)

Post in evidenza