top of page

Busiate Timilia con cozze e salicornia.

La dieta trapanese che fa bene alla salute e alla linea!


Finalmente estate, quest’anno vacanze siciliane lungo la costa della splendida valle del Belice.

Immaginate una lunga distesa di sabbia fine bagnata da un mare turchese e trasparente, un bel bagno, una passeggiata e finalmente è ora di pranzo.

“Insalata per stare leggera e niente pasta, mi sono messa a dieta e ho eliminato i farinacei!”

Nel mio lavoro di nutrizionista mi confronto quotidianamente con queste affermazioni, perché quando si parla di dieta e di dimagrimento, la pasta va immediatamente ed ingiustamente sul banco degli imputati.

È giunta l’ora di far chiarezza, per imparare a nutrirci con gusto, consapevolezza e tanta salute.

Non occorre, infatti, privarsi di questi fondamentali alimenti, l’importante è saper scegliere!

Se mai vi trovaste da queste parti non rinunciate ad un bel piatto di busiate di Timilia!!!

La busiata è una tipologia di pasta tipica siciliana dalla particolare forma arricciata a spirale tradizionalmente fatta con farina di grano duro Timilia integrale, trafilata al bronzo ed essiccata con un lento processo che garantisce la preservazione di tutte le proprietà nutritive.

Ed è proprio il Timilia a fare la differenza!

Si tratta di una varietà di grano antico siciliano conosciuto come “trimenaio”(o tumminia nella sua forma dialettale) cioè a ciclo trimestrale. Coltivato sin dal periodo greco e da qualche tempo riscoperto per le sue proprietà nutrizionali.

Come tutti i grani antichi non ha subito alterazioni, viene macinato a pietra e quindi è meno raffinato, contiene più fibra, proteine e meno glutine ma soprattutto contiene un glutine considerato “non tenace” controbilanciato dall’amido, il che lo rende più digeribile e leggero dei grani tradizionali.

In particolare per il Timilia, gli studi hanno evidenziato come l’indice di glutine sia notevolmente inferiore rendendolo tra tutti i grani antichi il più adatto per il trattamento delle patologie gastrointestinali. È stato dimostrato, infatti, che chi soffre di colite e gastrite, trae giovamento dall'uso in cucina di questo alimento, capace di far scomparire o quantomeno ridurre i disturbi intestinali e digestivi. L’aspetto salutista del grano tumminia è dovuto anche alla ricchezza di vitamine del gruppo B, in oligoelementi del germe di grano e della crusca e di lignina, la quale aiuta a mantenere in salute cuore e sistema cardiovascolare oltre a contrastare l’ipercolesterolemia (anche grazie ad un contenuto di grassi polinsaturi ridotto). Questo prezioso grano contribuisce, inoltre, a rafforzare il sistema immunitario e ridurre l’insorgenza di alcune forme di intolleranze alimentari. Dato altrettanto rilevante, è la sua capacità di abbassare l’indice glicemico. Proprio per quest’ultima caratteristica è adatto a diete dimagranti, ma soprattutto a chi soffre di diabete. Naturalmente questi benefici li otteniamo dalle farine di Timilia integrali, ancora meglio se biologiche e macinate a pietra.

In particolare, per chi voglia curare la linea la pasta rispetto al pane ha un indice glicemico più basso oltre ad un apporto proteico più alto. Ovviamente parliamo di pasta integrale Timilia, non scotta ma cotta ‘al dente’!

Concludendo non rinunciate ad un bel piatto di busiate di Timilia integrale, l’importante sarà non eccedere con le quantità e non esagerare con condimenti troppo ricchi e grassi.

L’aroma tostato con note che richiamano la mandorla e il malto, il suo gusto deciso vi conquisteranno.


Noi abbiamo avuto il piacere di gustarle con un sugo di cozze e salicornia nel piccolo paradiso del ristorante “Le 4 stagioni” di Lido Fiore a Menfi e ve le consigliamo per la loro bontà e leggerezza.


Le 4 stagioni

Viale delle Margherite, 15, 92013 Menfi (AG)



Post in evidenza